Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Il Potere dell'Eccellenzablog & radioH2E

Teoria sul perché del terremoto: Fracking e Smoking

 

 

 

                                                    ritratto-Wisky.jpg

                                                                              Wisky

 

 

 

 

Teoria sul perché del terremoto
Fracking e Smoking

a cura Hedda Cacchioni
Counselor Case Manager
http://www.eddacacchioni.it

 

 

Con tutte le scosse sismiche avvenute in Italia si è parlato molto del terremoto ipotizzando teorie e creandone  di nuove come quella del fracking esistente  e dello smoking la mia  ^_^.

 

 

Fracking
Il fracking è una frattura idraulica per sfruttare l'acqua del sottosuolo. Un'altro tipo di frattura è il frac job utilizzata per l'estrazione di gas e petrolio.
La trivellazione del mondo è nata negli stati Uniti nel 1947 per opera dell'azienda Halliburton, tuttavia si suppone  che questo tipo di tecnologia fosse usata molto tempo prima per le miniere.

 
La fratturazione idraulica viene usata:
- per le miniere
- per la riduzione di perdite tra cui gli idrocarburi
- per la costruzione di pozzi idrici
- misurazione della crosta terrestre

 

Da questo semplice quadro si è arrivati a dedurre che la causa principale dei terremoti soprattutto in Emilia Romagna in questo periodo è causata dalle troppe trivellazioni che si trovano proprio adiacenti alla zona del sisma.

 

 

Mentre la teoria semplicistica dello smoking in contrapposizione al frack è scaturita dalle grosse difficoltà economiche che il popolo italiano sta affrontando per risollevare l'Italia dal fardello economico. Cosicché la concentrazione di più energie indignate, quindi negative, generano la faglia nel sottosuolo. 
 

Smoking la formalità delle energie di scarico.

 

 

 

 

 

 

 

 

Iscrivetevi alla new letters                                                                    (riproposta2012 ore 17,35)

 

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post