Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Giochi pirotecnici, quando diventano figure immaginarie di lucente incredula crudelta’!************

Giochi pirotecnici
 a cura H.Edda Cacchioni
Counselor Editor Scrittrice
Artista.Atleta

 

 

Nel collettivo immaginario dei fanciulli, i giochi pirotecnici rappresentano il mondo delle favole, delle belle storie a lieto fine.
Gli elfi della foresta, nascondendosi nei boschi magici, muovendo le loro orecchie appuntite smuovono l’aria, guardando attentamente s’intravede la polvere di stelle che alzandosi nel cielo, unitasi con lo spazio innocente dell’aria, arricchita di rugiada, accende mille colori, diventando fuoco, sale sempre più in alto, bacia il sole e ricade a terra, spegnendosi sull’erba verde e alta del giardino. Lì un piccolo cucciolo d’uomo, attende, per vedere da vicino, la magica notte dell’elfo, non per capire, ma solo per prendere nella sua piccola mano di cucciolo gigante, la polvere di stelle, ahimè,  senza lucentezza, però, tutto di un fiato, il cucciolo d’uomo aspira l'aria nei polmoni, e soffia, soffia ancora,  rinnovando la magia a tempo di una lacrima di felice ammirazione di riuscita, segue con lo sguardo, il percorso della polvere che diventa fuoco ,bacia il sole e poi…
ricadendo, si disperde nel mondo degli esseri umani adulti,  prendendo forma di scheletro vestito di nero con una grande falce. La stessa polvere diventa uno scoppio assordante, un esplosione di arto superiore, presunzione di chi sa tutto e può fare del tutto.
Si passa così dalla *polvere di stelle* alla “polvere nera” scoperta intorno all’800 usata subito a scopo bellico.
SimoneLa pirotecnica è nata in Cina intorno all’anno 1000 e fu introdotta in Europa durante l’invasione in Ungheria nel 1245 sotto  la guida di Ogodei.
Fu l’inglese, filosofo e alchimista Ruggero Bacone a sancire la formula della polvere nera.
Nel medioevo XII-XV si iniziò ad usare per le Sacre Rappresentazioni l’arte pirotecnica. Nel tempo cambiando la formula aggiungendo altri elementi i fuochi si presentano al pubblico nella magnificenza dei colori. Arte diffusa accompagna tutt’oggi molti festeggiamenti.
La migliore scuola specializzata si trova a Napoli.

 



devil

 

 



Le norme sono chiare e semplici e salvano da brutture evitabili se non addirittura la vita:
Quando si utilizzano fuochi d’artificio è necessario leggere sempre le istruzioni d'uso e ricordare che non devono essere accesi in luoghi chiusi.
La maggior parte dei fuochi d'artificio omologati possono essere accesi e lanciati solo all'aperto.
I petardi devono essere sempre e solo posizionati a terra ed accesi a braccio teso. Non gettare mai i petardi accesi in maniera incontrollata ed usare sempre guanti e occhiali per proteggervi.

Prudenza, sempre… e lo spettacolo pirotecnico sarà nella nostra immaginazione  l’ammaliante polvere di stelle che aprendosi ai meravigliosi colori, arriva al cielo, esplode di felicità generando stelle magiche che si perdono tutt'intorno.
Buon divertimento, attento agli elfi ****



 

 

 


Mantova 29 gennaio 2011 ore 5,24 

 

 

***  crescere un figlio non è dare la mano, ma porgegliela quando ne ha bisogno. E' dire sobrieta'. A cosa serve uno fuoco pirotecnico che bacia il sole!!!
E' avere il coraggio di gridare "allo schifo", abituarlo al "bello" cosicchè sappia riconoscere le brutture infinite della vita, quanto contrario delle loro esperienze ed imparino ad evitarle, perchè essere umani in gioiosa serenità si può! ***

 

 

 

 

 

 

heart

 

 

Torna alla home
Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post