Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

LIS

Non udenti.
La lingua dei segni

a cura H.Edda Cacchioni
Counselor Editor Scrittrice
Artista Atleta

  

 

 

La comunicazione nella lingua dei segni avviene tramite la gestualità del corpo, delle mani e la mimica del viso per la ricezione si utilizza il canale-visivo gestuale.
La lingua dei segni è utilizzata dai non udenti in tutto il mondo, ognuno secondo il luogo in cui vive e la lingua prevalente, per esempio:
Italia: LIS lingua italiana dei segni
Stati Uniti: ASL american sign language
Regno Unito: BSL british sign language
Francia: LSF langue des signes française
Oggigiorno gli studiosi della comunicazione dei sordi propone una lingua internazionale il SIGNUNObasato sull’esperanto da ‘’colui che spera’’ sviluppata nel 1872/1887 da Ludwik Lejzer Zamenhof oftalmologo polacco.

I sordi hanno sempre comunicato attraverso la mimica, l’educatore e fondatore della scuola per sordi ‘’Scuola di Parigi’’ l’Abbè de L’Epèe  nel 1700 iniziò ad insegnare la lingua dei segni, migliorando la lingua scritta e parlata anche nella grammatica, parimenti Sicard si occupò della lingua dei segni per capirne la interrelazione.
Cosicchè lo statunitense Thomas Hopkins Gallaudet appresa la notizia si volle informare personalmente, andò dapprima in Francia studiò quello che più gli interessava e tornando nella sua città aprì diversi istituti per sordi, compresa un università.

In Italia nel 1880 il Congresso di Milano impedì la diffusione del SEGNANTE preferendo il metodo ORALISTA. Tutt’oggi non è riconosciuta tant’è che si hanno una serie di petizioni per far riconoscere la LIS:
http://www.change.org/it/petizioni/io-segno-la-lis-ma-lo-stato-italiano-non-riconosce-la-mia-lingua-iosegno

Negli anni 60 William Stock ricercatore americano dimostrò che la lingua dei segni ha la sua sintassi suddividendosi in componenti manuali e non manuali.
I 4 componenti manuali del segno sono:
1. Movimento
2. Orientamento
3. Configurazione
4. Luogo

Mentre i 3 componenti non manuali sono:
1. Espressione facciale
2. Postura
3. Componenti orali

I sordi sono dei disabili che hanno strappato le barriere linguistiche costruendone una loro. Hanno la propria lingua e la propria cultura.
Questa tipologia comportamentale è scaturita dal fatto che i non udenti sono tenuti fuori in molti ambiti.
Spesso riscontrano un corpo armonioso e sano dai movimenti influenzati da un atroce disabilità quale è la sordità..
Attraverso lo sport attivo il non udente trova il desiderio di partecipare, di esserci come avviene dal lontano 1924 a Parigi con la nascita dei Giochi Sportivi Internazionali Silenziosihttp://www.superando.it/2012/10/17/sport-delle-persone-sorde-un-po-di-storia/

Non udenti e sport
I bambini sordi che nascono in Italia sono circa 1.100 l’anno. La sordità si presenta in molteplici forme e si esprime in altrettanti modi.
Ergo quando ci si accorge che un bimbo non si volta difronte ad una porta che sbatte per il vento è opportuno chiedere consiglio al medico di famiglia e soprattutto si evitino test ‘’fai da te’’. Lo specialista saprà indicare il percorso più appropriato da intraprendere. Suggerisco di richiedere un operatore sociale saprà gestire le potenzialità della mamma e del papà offrendo uno spazio di ascolto e di riflessione.
A tal proposito visitare la sezione Progetti
reperibilità 24/24h

 

Fonte
. wikipedia
. internet
. Edda Cacchioni

(riproposta)

Torna alla home
Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post