Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Perchè un centro antiviolenza?

 

 

 

 

 

Perchè un centro antiviolenza?
a cura Hedda Cacchioni
Counselor Case Manager
http://www.eddacacchioni.it

 

''Antiviolenza'' lascia un segno indelebile su chi ha subito realmente violenza psicofisica. Una minaccia alla salute, al recupero. Le persone perdono identità e diventano numeri, ergo preferibile, subito dopo il medico entrare in comunità per disintossicarsi dall'abitudine a essere umiliati maltrattati e all'indifferenza famigliare.
Per aver subito la violazione dei diritti umani i centri antiviolenza non disintossicano.


In conferma di un errato regime psichiatrico dei quartieri delle zone. Cerveteri e Ladispoli sono città con entità delinquenziali di ogni fascia di età facilmente captabili, è sufficiente uscire sulle strade sotto il cielo di tutti. Ergo ritengo che il centro antiviolenza è sostegno di tutte quelle situazioni ingombranti in cui il medico di famiglia non ne vuole carico.
Iter: medico di famiglia, forza dell'ordine.
Non crediamo nessuno, quando dite che la persona maltrattata abbia particolari condizioni psicologiche da accettare abusi e sevizie, piuttosto, la società è organizzata in tal senso, a fare accettare gli abusi iniziando dalle semplici molestie per strada fatte passare per complimenti in cui soprattutto donne e bambini, abituati ad assoggettarsi al chi passa prima di me 'e tutti fan così' invece di difendere la propria dignità e persona, copiano e rifanno al prossimo.
Ora, vero l'esistenza di situazioni molto forti ergo  non basta nemmeno il centro antiviolenza smistamento di casi, ci vuole uno psichiatra e un allontanamento della persona abusata troppo spesso usata anche da chi lo 'sa'....
ecc ecc ergo per favore!!!! non m' intendo ne di politica ne di antiviolenza... ma talvolta un ottima coesione sociale e un attenzione in più da parte delle forze dell'ordine eliminerebbe centri del genere così come i vaccini hanno debellato il vaiolo...

 

 

mai bias

 

 

Il burka invisibile è il peggiore degli abiti e le donne in Italia lo sfoggiano con l'impeto di una falsa Libertà ottenuta, molestando con gli uomini tutte coloro che sono riuscite a toglierselo di dosso

Hedda Cacchioni

Torna alla home
Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post