Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Recensione: Fedor Dostoevskij. Il sogno di un uomo ridicolo

 

 

Recensione
Fedor Dostoevskij
Il sogno di un uomo ridicolo

a cura H.Edda Cacchioni
Counselor Editor Scrittrice
Artista Atleta

dedicata a te ... tutto funziona il cuore la testa il corpo 

 

Fedor Dostoevskij. Mosca 1821.1881 Il sogno di un uomo ridicolo Nel teatro notturno di un uomo si affrontano le vicissitudini interiori relegate in un angolo durante il quotidiano cosicché ogni cosa apparentemente inanimata prende forma, il pensiero diventa riflessione. L'uomo palesemente pazzo o ridicolo per i molti, si ascolta, apprende che la vita nasconde piccoli spazi di splendida magia, impara l'empatia e il dolore che tutto trasforma nell'infinito Cosmo a volte in lugubri lacrime altre volte come segno di desiderio di vivere, l'uomo segue i parametri personali rivolti al Bene avendo vissuto il Male e fatto conoscere ad altri, alcuni di questi scelgono di adottarne gli schemi principali ridondandone i rumori secondo i propri obiettivi. Il ridicolo uomo difronte una richiesta di aiuto scappa e ne conseguono lunghe riflessioni in cui l'indifferenza non cozza con l'intero Tutto che é armonia e amore, la scelta ultima equivale a: vivere.
L'uomo ridicolo il presunto suicida segnala una visione troppo reale dell'ambiente in cui vive insegna ed educa adducendo a pensare, l'ambiente, la vita la si può correggere o portare il vissuto a proprio vantaggio

Un evidente inno alla vita!

Torna alla home
Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post